Testi

autore dei testi originali del disco è Ciccio Piras

Regina di lu cielu – tarantella siciliana

La luna s’arripara dintra u mari

E ammucciata si fa bedda pi li stiddi

Cu li trizziteddi si conza i capiddi

Cu la viri ‘celu s’avi ‘nnammurari

 

La luna assittata ‘nto tronu si sta

Regina d’u celu adurari si fa

La luna la luna la luna la luna lalà

 

A li voti è china china e tunna tunna

Mangia lacrimi d’amuri e vasunedda

A li voti e sicca sicca e ‘ncuttumata

S’un ce nuddu chi ci runa ’na vardata

 

La luna assittata ‘nto tronu si sta…

 

La riggina di lu celu è fatta d’oru

Nun c’è re ca cci po’ mettiri li manu

Cavaleri e dame ci fannu l’inchinu

Pi lassarisi a lu lustru du matinu

 

La luna assittata ‘nto tronu si sta…

 

Io l’aspetto quannu nesci vascia vascia

Quannu nasci e da lu mari  vola ‘ncelu

E lu suli mafiuseddu mi fa raggia

Chi l’ammuccia e la ‘ncatina dintra n’aggia

 

Briciole – a mo’ di tammurriata

Eravamo le dita incrociate

di due mani giunte in preghiera

quando hai capito che non c’era, che a niente portava…

Le mani non pregano più!

 

Eravamo due cocci di creta

messi assieme per contenere un giglio

ma adesso il giglio è appassito, l’acqua è evaporata…

Il vaso ora non serve più!

 

Eravamo il gatto e l’anarchia,

giocavamo la stessa partita

ma il gatto è stato avvelenato dalla morte avvelenato…

L’artiglio ormai non graffia più

 

eravamo l’inchiostro  e la penna

di un romanzo dai colori rosa

ma lo scrittore impazzito, il romanzo abbandonato…

La penna ora non scrive più!

 

Abbiamo preso sentieri diversi,

inevitabilmente poi ci siamo persi

e non avendo briciole di pane

ci conviene andare avanti, ci conviene camminare

 

Na vota io teneva nu jardino

Chino di rose fresche e profumate

Da quanno tu nun me stai ‘cchiù vicino

Tutte le rose me se so siccate

 

Valzer per due candele – valse

Soffice come lino

Sugge dallo stoppino

La tenue pallida fiamma

Ardente la stearina

Morbida e a mo’ di goccia

Scivola e scivolo anch’io

 

Ritta sul quel cristallo

Colonna su un piedistallo

Stai dirimpetto a me

 

Valzer per due candele

Danzano e il fuoco le invita al casqué

China tra le mie braccia

Nuda si adagia sul freddo parquet

Che così freddo non è

 

Timido ti ho di fronte

Brucio e non dico niente

Squaglio e mi logoro

Pallido fredda cera

Ma quando viene sera

Brucio e riscaldo da me

 

Ritta sul quel cristallo

Colonna su un piedistallo

Tu stai e ti invito a danzare

 

Valzer per due candele

Danzano e il fuoco le invita al casqué

China tra le mie braccia

Nuda si adagia sul freddo parquet

Che così freddo non è